verdi del trentino
    assemblea congressuale del 3 ottobre 2009
    torna a precedente    

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Trento, 3 ottobre 2009
Assemblea congressuale dei Verdi del Trentino
Intervento di Aldo Pompermaier

E’ passato poco più di un anno dall’ultima assemblea e ricordando quell’incontro mi pare che nulla sia  cambiato nel panorama politico sia locale che nazionale. Anzi evidenzio  che  le cose sono peggiorate per noi. Nessun nostro rappresentante in giunta provinciale(Dellai ci ha ritenuto scomodi e poco significativi preferendo l’UDC non iscritta nelle liste elettorali e con risultati elettorali successivi inferiori ai nostri!) e nemmeno in giunta comunale (Andreatta non ha sentito il bisogno di dare continuità all’assessorato all’ambiente confermando la presenza verde  confermando così   l’allargamento la rappresentanza politica della maggioranza). Eppure osservando il lavoro che abbiamo svolto durante la nostra partecipazione di governo e quello  durante le campagne elettorali, come risorse economiche, come qualità del messaggio ed innanzitutto come candidati, dovevamo “meritarci” almeno la conferma delle posizioni acquisite nelle precedenti elezioni. Non mi pare il caso di  riprendere e approfondire  le analisi sulle motivazioni del nostro risultato, le dinamiche del voto le abbiamo analizzate più volte, certo è che la posizione dei Verdi a livello nazionale ci ha condizionato non poco. Ma qualche puntualizzazione mi sento di esprimerla.

Nessun nostro leader si è presentato nelle nostre piazze, anzi, con le scelte scellerate di buttarsi completamente in mano a una sinistra radicale, che poverina anch’essa sta raccogliendo i cocci, abbiamo scelto di non invitarli per timore di perdere voti. Credetemi , quanto è successo non è poco. Non essere in sintonia con i vertici del tuo partito nazionale è il massimo della crisi che una formazione politica possa attraversare.

Ma le cause della nostra classifica generale pesante non è solo della crisi che attraversa il sole che ride nazionale. Anche noi abbiamo contribuito, parlo specialmente di noi amministratori, a non essere ritenuti alternativi alle grandi formazioni politiche che nel frattempo sono sorte, in particolare il PD. Con gli incarichi di governo che abbiamo conquistato con sudore e fatica, ci siamo concentrati sul “fare” ed abbiamo trascurato il contatto con la gente. Il risultato è che adesso anche su temi come l’inceneritore, il centro destra  se ne è appropriato e lancia la raccolta firme sulle piazze di Trento. A titolo informativo  ricordo che il mio piano rifiuti che dava il “là” alla raccolta porta a porta e , con orgoglio posso affermare che con questo sistema di raccolta abbiamo migliorato la percentuale di indifferenziata di oltre 20 punti, un record,trovava il parere contrario di ben dieci consiglieri del centro destra. Ora essi stessi diventano paladini delle alternative all’inceneritore. Una spudoratezza che nessun giornale locale ha sottolineato e che solo Marco ha ricordato in una recente intervista ad un quotidiano locale.

Certo che fa male sentirsi in fondo ai sondaggi nazionali quando a livello europeo i Verdi vanno alla grande vedi   in Germania che  alle ultime elezioni hanno registrato un incremento  significativo.

Sicuramente il loro panorama politico non è quello italiano, la sensibilità ambientale ha una storia molto più radicata della nostra, ma se ci raffrontiamo  alla Grecia che ha eletto un proprio rappresentante in Europa mi sento veramente a disagio e non trovo giustificazioni.

E questo disagio provoca emorragie interne, molti non riconoscono il nostro lavoro e confluiscono nel Pd o in formazioni più estreme, come i verdi romani che, spostandosi a sinistra ancora una volta perdono un elettorato o un potenziale elettorato moderato che vorrebbe i Verdi  equidistanti dagli estremi. O forse sbaglio l’analisi e in Italia serve ancora un movimento che vada sulle barricate, all’opposizione? Non è che noi possiamo diventare il movimento che scuote dal torpore e traccia una via nuova per un ambientalismo deciso, senza obiettivi di governo, senza compromessi?

Approvo totalmente l’appello “il coraggio di osare: appello agli ecologisti” e la mozione che i nostri rappresentanti porteranno al prossimo congresso. Penso proprio che sarà l’ultimo tentativo per raccogliere tutti quelli a cui interessa il bene di questa terra senza secondi fini.

Con l’ambiente non si scherza, i territori hanno bisogno di persone organizzate che lo controllano da vicino che  promuovono, come dice il nostro statuto,” la crescita della coscienza e delle iniziative verdi  dovunque si manifestano”.
Dobbiamo riprendere a dire e fare qualcosa sul nucleare,sulla Tav,sull’inceneritore e sulla gestione complessiva dei rifiuti, dobbiamo dare indicazioni sul Trentino che vogliamo, sui pesticidi, sul biologico, sulla gestione complessiva del nostro territorio e altre ancora.

Dobbiamo essere lievito per le nuove generazioni, avvicinare i giovani con iniziative a loro vicine, dobbiamo riprendere la pubblicazione di un nuovo “Arcobaleno”, dobbiamo essere più generosi ed essere pronti a nuove sfide. E a tal proposito vorrei ribadire che il mio distacco  dalla politica attiva non significa  allontanamento dalle tematiche di cui mi sono occupato per anni, ma vuol dire favorire il ricambio, impegnarsi in altre mansioni e per qualche tempo fare da congiunzione con i nuovi che si alterneranno.

Sarebbe auspicabile  far nascere sul territorio delle “sezioni periferiche”con il compito di analizzare e segnalare le problematiche del luogo, composte da persone che hanno a cuore l’ambiente, che si trovano a discutere, e che, una volta al mese, magari in occasione dell’appuntamento con la Scuola Langer, attività che nessun partito locale può vantare, riportano alla direzione del movimento(non mi piace partito) per le decisioni del caso.

Elvia Tarter in un suo intervento parlava di “ripartenza” dei Verdi. Si dobbiamo ripartire, perché ancora siamo necessari per contribuire alla piena affermazione dei valori rappresentati dalla questione verde, valori che noi conosciamo bene, valori per cui ci siamo battuti, valori per cui ci attendiamo una risposta dai nostri cittadini.

Grazie

Aldo Pompermaier

 

Assemblea congressuale
dei Verdi del Trentino

"Il futuro dei Verdi e degli ecologisti in Italia,  in Europa e
nel Trentino"

Trento, sabato
3 ottobre 2009

Palazzo della Regione
Sala rosa

vai alla pagina

 

 © 2000 - 2022    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi

 

torna su