verdi del trentino
    d o c u m e n t i
    torna a precedente    

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Trento, 9 febbraio 2008
documento delL’ESECUTIVO DEI VERDI DEL TRENTINO
SULLE ELEZIONI POLITICHE ANTICIPATE DEL 13-14 APRILE 2008

1. 
Lo scioglimento anticipato delle Camere è stato di esclusiva responsabilità del centro-destra, che si è dichiarato totalmente indisponibile, sia col Presidente Napolitano sia col Presidente incaricato Marini, alla possibilità di varare una riforma elettorale prima delle elezioni anticipate. Per quasi due anni anche tutte le forze politiche del centro-destra hanno definito inaccettabile la legge elettorale varata dallo stesso centro-destra con un colpo di mano alla fine della scorsa legislatura, mentre – di fronte alla crisi del Governo Prodi – hanno unanimemente opposto un rifiuto alla sua riforma e rivendicato l'immediato ricorso alle urne con la stessa legge elettorale prima definita “una porcata”.

La fine traumatica della legislatura ha interrotto il profondo impegno del Governo Prodi nel risanamento economico-sociale, dopo il disastro provocato dal Governo Berlusconi, e ha impedito di proseguire la concertazione con le parti sociali per arrivare ad una consistente redistribuzione a favore dei salari da lavoro dipendente e delle categorie più deboli e svantaggiate. Anche sul piano ambientale erano stati conquistati, nell'ultima legge finanziaria, importanti obiettivi energetici ed ecologici, la cui realizzazione ora rimane bloccata o gravemente compromessa.

Le difficoltà incontrate dal Governo Prodi sono state soprattutto determinate dalla instabilità provocata dalla legge elettorale Calderoli al Senato, mentre alla Camera il Governo ha sempre goduto di una ampia maggioranza, ed era stata anche avviata una importante riforma costituzionale in materia di forma di governo, di riduzione del numero dei parlamentari e di superamento del bicameralismo perfetto.

2. 
Il Governo Prodi non è caduto al Senato a causa delle forze della sinistra cosiddetta “radicale” o dei Verdi, ma per la responsabilità di micro-frazioni parlamentari o singoli senatori collocati nell'area di centro del centro-sinistra o fuoriusciti dal Partito Democratico. Basti pensare all'Udeur di Mastella, al micro-gruppo di Dini o a Fisichella, che erano stati eletti nella Margherita.

Del resto, mentre fin dall'inizio Rifondazione comunista aveva immediatamente espulso il senatore Turigliatto, dopo che aveva votato contro il Governo Prodi, ed altrettanto avevano fatto i Comunisti italiani con il senatore Rossi, il Partito Democratico si è ben guardato dall'espellere la senatrice Binetti quando aveva negato la fiducia al Governo Prodi sul decreto-legge sulla sicurezza.

Inoltre, il primo transfuga al Senato dalle file del centro-sinistra era stato il senatore De Gregorio, eletto nelle liste dell'Italia dei valori e passato al centro-destra già all'inizio della legislatura.

Per quanto riguarda i Verdi – talora sottoposti ad un vero e proprio linciaggio mediatico – hanno sempre votato in modo solidale con la maggioranza sia alla Camera che al Senato ed hanno espresso fino all'ultimo il proprio sostegno a Prodi, rinnovato anche dopo l'apertura formale della crisi di governo nelle consultazioni al Quirinale.

3. 
Non c'è dubbio che dalla maggior parte dell'opinione pubblica è avvertita la necessità di superare una eccessiva frammentazione partitica, e in questa direzione è andata l'Assemblea nazionale dell'8-9 dicembre 2007 che ha dato vita all'iniziativa unitaria e plurale de “la Sinistra – l'Arcobaleno”, promossa dai Verdi, da Rifondazione comunista, dai Comunisti italiani e dalla Sinistra democratica. Ma la semplificazione del sistema dei partiti è altra cosa rispetto alla forzata imposizione di un bi-partitismo, che comprimerebbe in modo irreparabile il pluralismo politico e culturale. Una eccessiva riduzione del pluralismo e della rappresentatività politica rischierebbe di provocare una più accentuata conflittualità sociale e politica al di fuori delle istituzioni rappresentative. Anziché una maggiore governabilità del sistema, con l'imposizione di un modello tendenzialmente bi-partitico si aprirebbe la strada al rischio dell'ingovernabilità sociale e alle logiche da “grande coalizione”, che sono l'esatto opposto della democrazia dell'alternanza, fondamento di un sistema democratico maturo ed equilibrato.

4. 
Bisogna comunque prendere atto che – con la crisi del Governo Prodi e le elezioni politiche anticipate – lo scenario politico italiano è profondamente mutato, con sviluppi continui ancora imprevedibili.

Di fronte alla scelta del Partito Democratico di collocarsi sempre più nell'area di centro, da contendere alle formazioni del centro-destra, assume una grande importanza la scelta di dar vita alla alleanza politica “la Sinistra – l'Arcobaleno”, per mantenere viva e vitale la prospettiva di cambiamento dell'ecologismo politico e della sinistra.

Le semplificazioni e banalizzazioni giornalistiche sulla “cosa rossa” o sulla “sinistra radicale” non tengono conto che il documento costitutivo de “la Sinistra – l'Arcobaleno” è improntato non ad una logica antagonistica, ma ad una “cultura di governo” sia dalla maggioranza che dall'opposizione. Senza questa nuova alleanza politica, dopo la nascita del Partito Democratico e la scomparsa di Margherita e DS sul piano nazionale, sarebbe stato impossibile continuare a far vivere le ragioni storiche della sinistra e dell'ecologismo politico nel nostro Paese.

5. 
Anche nel Trentino-Alto Adige/Südtirol l' alleanza politica “la Sinistra – l'Arcobaleno” non cancella le ragioni storiche, politiche e culturali dei Verdi-Grüne-Vërc e delle altre tre forze politiche impegnate a costruirla, ma si pone all'altezza delle nuove sfide politiche ed anche elettorali ormai imminenti.

I Verdi del Trentino propongono ai Verdi-Grüne-Vërc dell'Alto Adige/Südtirol, a Rifondazione comunista, al Partito dei comunisti italiani e alla Sinistra democratica di questa regione, in vista delle imminenti elezioni politiche del 13-14 aprile 2008, di dar vita ad una lista unitaria e plurale per la Camera dei deputati e di affrontare insieme la peculiarità del sistema uninominale maggioritario per il Senato della Repubblica, ancora in vigore nel Trentino-Alto Adige/Sütirol. 

6.
Per quanto riguarda la lista per la Camera dei deputati, che dovrà comprendere candidati delle quattro forze politiche ed una rappresentanza paritaria di genere, i Verdi del Trentino propongono come capolista il loro Presidente Marco Boato.

Questa proposta tiene conto sia del fatto che la legislatura attuale si è conclusa traumaticamente dopo meno di due anni di vita (a fronte della durata costituzionalmente prevista di cinque anni), sia dell'imponente mole di iniziative politico-parlamentari realizzata da Marco Boato nei soli due anni di legislatura (molte proposte di legge, di cui numerose approvate, tra cui la riforma costituzionale in materia di pena di morte, interpellanze, interrogazioni, mozioni, innumerevoli interventi in Aula e in Commissione affari costituzionali: lavoro parlamentare sul quale, tra pochi giorni, sarà pronto un dettagliato “rapporto agli elettori” da fornire all'opinione pubblica e da utilizzare in campagna elettorale), sia del fatto che i Verdi costituiscono la forza politica con maggiore consenso elettorale nella circoscrizione regionale tra le quattro costitutive dell'alleanza “la Sinistra – l'Arcobaleno”.

Nel suo insieme la lista per la Camera dei deputati potrebbe essere composta da tre candidati verdi (uno del Trentino e due dell'Alto Adige/Südtirol), da tre candidati di Rifondazione comunista (due del Trentino e uno dell'Alto Adige/Südtirol) da due candidati dei Comunisti italiani e da due candidati della Sinistra democratica (uno per ciascuna provincia per entrambe le forze politiche).

Le candidature dovrebbero essere individuate in modo da garantire complessivamente la parità di genere (cinque donne e cinque uomini) e da vedere rappresentata la pluralità dei gruppi linguistici (almeno un candidato di lingua tedesca e un candidato di lingua ladina).

A tale proposito è necessario esigere a livello nazionale che venga depositato al Ministero dell'Interno anche un simbolo trilingue della lista “la Sinistra – l'Arcobaleno”, da utilizzare per la circoscrizione Trentino-Alto Adige/Südtirol.

7.
Per quanto riguarda il Senato della Repubblica i rappresentanti de “la Sinistra – l'Arcobaleno” dovranno proporre alle altre forze politiche del centro-sinistra autonomista una presentazione unitaria nei sei collegi uninominali maggioritari per il Senato, sotto un simbolo regionale da definire di comune accordo, e con la garanzia di un pluralismo delle candidature, che ovviamente non potranno essere espressione del solo Partito Democratico. A nostro giudizio questa è la condizione essenziale per conquistare tutti i collegi e per impedire che si profili una generale sconfitta del centro-sinistra nel confronto elettorale col centro-destra nei vari collegi (in particolare nei tre del Trentino e in quello di Bolzano-Bassa Atesina in Alto Adige/Südtirol).

Nella sciagurata e irresponsabile ipotesi che tale accordo unitario e plurale per il Senato venga rifiutato o comunque non si realizzi, le forze politiche che danno vita a “la Sinistra – l'Arcobaleno” si impegnano a presentare un proprio candidato (o una propria candidata) in ciascuno dei sei collegi uninominali per il Senato.

8.
La campagna elettorale della lista “la Sinistra – l'Arcobaleno” dovrà essere improntata al massimo di collaborazione reciproca nella dimensione provinciale e regionale, ad iniziative unitarie sul piano territoriale e al carattere inter-etnico nella provincia di Bolzano. E dovrà inoltre essere capace tanto di collocarsi nella prospettiva nazionale dello scontro politico tra centro-destra e centro-sinistra (sia pure nella reciproca autonomia rispetto al Partito Democratico), quanto di rapportarsi con forza alle tematiche specifiche dell'Autonomia del Trentino e dell'Alto Adige/Südtirol e della peculiarità socio-economica, ambientale, culturale e linguistica del nostro territorio.

 

Esecutivo dei
Verdi del Trentino
9 febbraio 2008

sulle elezioni
politiche anticipate
13-14 aprile 2008

elezioni politiche anticipate
13-14 aprile 2008

vedi anche
ASSEMBLEE

 

 © 2000 - 2022    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi

 

torna su