verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2022

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Avio, 2 ottobre 2007
AVIO: CENTROSINISTRA DIVISO. I VERDI RINUNCIANO ALLA LISTA
Boato e Libera: «È caduto nel vuoto il nostro appello all’unità».
Critiche al Patt «che è andato in soccorso del centrodestra»

l’Adige di martedì 2 ottobre 2007

Non passa giorno che la scena politica riservi qualche sorpresa. Questa volta i riflettori sono puntati sui Verdi che «di fronte alle divisioni del centro-sinistra, sempre più profonde e insanabili, foriere di disorientamento e delusione nei cittadini-elettori, rinunciano ad una propria lista».

Questo nonostante venerdì sia stato depositato a Trento il simbolo «Verdi e democratici per Avio». «Da tempo - scrivono Marco Boato e Stefano Libera - i Verdi hanno ripetutamente e insistentemente auspicato una convergenza unitaria tra forze politiche e liste del centro-sinistra. Invece tensioni e rivalità sono aumentate, creando un clima di tensione e di sospetto tutto rivolto a rimarcare le dilaceranti divisioni del recente passato, anziché rivolgere ogni sforzo ed ogni energia per superarle e costruire insieme un futuro diverso per Avio».

Più volte, in questi mesi, abbiamo ricordato le sconfitte ancora brucianti di Nago-Torbole, Mori, Ala, Lavis e, soprattutto, Rovereto. Ma sembra che anche la storia locale e provinciale recente non insegni nulla a nessuno, mentre c’è una irresponsabile «coazione a ripetere» gli errori compiuti nei Comuni citati solo qualche anno fa, e di cui sono ancora aperte le ferite politiche». Di qui la decisione dei Verdi, «a meno che nei pochi giorni che restano non si verifichi un radicale ripensamento tra gli esponenti e le forze politiche del centro-sinistra di Avio, in modo da consentire una ricomposizione politica unitaria. È l’ultimo appello al senso di responsabilità di tutti. Se non verrà raccolto, i Verdi non ci saranno».

Dai Verdi una frecciata anche sul «versante del centro-destra - cui è andato in soccorso il Patt, al governo a livello provinciale e in maggioranza col centro-sinistra autonomista - dove c’è la candidatura a Sindaco di un esponente che viene dal mondo della cooperazione, proprio mentre in modo ricorrente, in Parlamento e a livello nazionale, il centro-destra attacca sistematicamente la cooperazione.

Questo la dice lunga sulla coerenza politica sia del Patt che del candidato Sindaco che si prepara a sostenere insieme a tutto il centro-destra di Avio».

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  
© 2000 - 2022    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su