verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2022

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 


Roma, 7 aprile 2011
«La fuga di notizie colpa dei pm milanesi.
E addio credibilitÀ»

Il padre della legge sulle intercettazioni dei parlamentari:
«Le conversazioni del premier non dovevano finire agli atti»
Intervista a Marco Boato de il Giornale di giovedì 7 aprile 2011

«Pezo el tacon del buso». Scusi? Marco Boato ride, poi spiega: «Peggio la pezza del buco, in veneto. È così la dichiarazione del Procuratore di Milano, Bruti Liberati: dice che sulle intercettazioni indirette di Berlusconi è stata rispettata rigorosamente la legge Boato. Mi sembra un escamotage mal riuscito per coprire un errore clamoroso».

Perché Invece, secondo la legge del 2003 che prende il suo nome...
«... è pacifico che non dovevano essere inserite nel fascicolo del processo Ruby intercettazioni che riguardano un parlamentare, il premier, che è imputato nel processo, senza aver ottenuto l’autorizza rione della Camera».

Il Procuratore dice che non saranno utilizzate come prove contro Berlusconi, ma nel processo contro Minetti, Fede e Mora.
«E allora perché sono agli atti del processo stralciato contro il premier? Non riesco a capire come queste trascrizioni possano essere legittimamente depositate nel fascicolo. Non ci dovevano essere. La spiegazione della Procura ml sembra paradossale: una copertura giuridica per un probabile errore materiale. Non di cancellieri o poliziotti, ma dei pm che ne avevano la responsabilità».

Solo un errore?
«Credo che non ci sia un reato, ma una palese illegittimità sì. Non penso al dolo anche perché per la Procura questo è un boomerang. Se c’è sputtanamento per il premier, c’è ancor di più per i pm. Una castroneria così fa perdere credibilità. Inutile che adesso dicano di aver fatto tutto con rigore, scrupolo e pieno rispetto della legalità».

Che cosa non la convince in particolare?
«Se le quattro conversazioni con Berlusconi pubblicate dalla stampa non dovevano essere utilizzate come fonte di prova contro Berlusconi, perché sono rimaste agli atti, mentre moltissime altre sono state eliminate su ordine di Bruti Liberati? Non c’è nessuna spiegazione logica».

E la sentenza della Corte costituzionale che nel 2007 stabili che le conversazioni indirette possono essere utilizzate contro terzi?
«La sentenza modificò l’articolo 6, che impone al gip di richiedere l’autorizzazione parlamentare per utilizzare le intercettazioni come prova contro il parlamentare, mentre non serve contro i terzi. E allora le conversazioni semmai dovevano stare nel fascicolo che riguarda gli altri imputati, non Berlusconi».

Che conseguenze può avere quello che è successo?
«Lo stesso articolo 6 parla della inutilizzabilità degli atti in questione. Forse, in futuro si potrebbero prevedere sanzioni più dure».

Ma non paga nessuno per questa Illegittimità?
«Come ho detto, non credo ci sia stato dolo da parte dei pm. Ma potrebbe arrivare una denuncia da parte dei legali del premier. O un esposto disciplinare al ministro o al Procuratore generale della Cassazione. Mi sembrano però ipotesi poco probabili e l’inchiesta non viene inficiata da un fatto del genere. Quello che si può fare è solo una denuncia pubblica».

Anche da parte del presidente della Camera?
«Fini potrebbe denunciare la violazione delle prerogative del parlamentare Berlusconi. Ma il presidente della Camera non interviene d’ufficio: potrebbe farlo se altri lo investono della questione».

Oltre alle intercettazioni sono stati pubblicati tabulati di telefonate del premier.
«Per i tabulati vale lo stesso discorso delle intercettazioni. Ricordo che in Parlamento ci fu uno scontro furioso con alcuni esponenti del Pds che non volevano includerli. La spuntai io, ma anche in quell’occasione fu chiaro che ero un relatore del centrosinistra contrastato duramente dal centrosinistra».

Come successe?
«Tutto il lavoro fatto dal ‘93, dopo la modifica dell’articolo 68 sull’immunità, fu messo da parte con l’avvento di Berlusconi, quando il clima cambiò. La sinistra, prima garantista, regredì su posizioni giustizialiste e si rimangiò tesi condivise sulle prerogative parlamentari. Io, che ero rimasto sulle posizioni originarie, mi trovai fuori posto».

Però, quando furono intercettati Fassino e D’Alema su Unipol...
«Ecco, allora l’articolo 6 della legge, che la sinistra aveva osteggiato come troppo lassista, divenne troppo poco rigoroso. È il garantismo a corrente alternata».

 



Il volto garantista
della sinistra

Marco Boato, 66 anni. Veneziano di nascita e trentino di adozione, docente universitario e giornalista, cofondatore nel ‘68 con Adriano Sofri di «Lotta Continua». Boato è stato senatore e deputato per i Verdi. Da sempre noto per il suo garantismo, tanto da votare in Parlamento contro l’arresto di Cesare Previti, all’epoca esponente di Forza Italia. Le sue proposte di legge in materia di lotta al giustizialismo, avanzate nel 1997 in sede di Bicamerale di D’Alema, sono passate alle cronache come «bozze Boato». Di queste l’unica diventata effettivamente legge è la n. 140 del 2003, la cosiddetta legge Boato, che, trattando in linea generale le immunità parlamentari, nello specifico disciplina l’utilizzo da parte della magistratura delle intercettazioni ai danni dei parlamentari. Recentemente ha dichiarato che la riforma della giustizia avanzata dal governo «non è scandalosa, non stravolge i poteri né implica una subordinazione dei pm».

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  
© 2000 - 2022    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su