verdi del trentino
    Roberto Bombarda - attività politica e istituzionale    
   
Consiglio provinciale di Trento - XIV Legislatura Consiglio provinciale di Trento - XIII Legislatura

dalla stampa
2011 - 2013

atti consiliari
2011 - 2013

dalla stampa
2009 - 2010

atti consiliari
2009 - 2010

dalla stampa
2007 - 2008

atti consiliari
2007 - 2008

dalla stampa
2003 - 2006

atti consiliari
2003 - 2006

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Arco, 25 novembre 2007
PARCO DEL SARCA, FLUVIALE O AGRICOLO
Stimolante tavola rotonda ieri al Casinò: confronto senza accordo su due progetti
da l’Adige di domenica 25 novembre 2007

«Parco del Sarca: fluviale o agricolo». E’ il quesito proposto dall’incontro pubblico-tavola rotonda che ieri pomeriggio al casinò comunale ha riunito attorno allo stesso tavolo per la prima volta i promotori del famoso parco agricolo dell’Alto Garda e gli amministratori di alcuni dei comuni interessati (c’erano gli assessori all’ambiente di Arco, Riva del Garda e Dro).

Presenti anche il consigliere provinciale «verde» Roberto Bombarda (promotore della nota legge 11/2007 che istituisce la possibilità per i territori di creare parchi in zone ben delimitate), il presidente del comitato parco agricolo Duilio Turrini, il direttore di Coldiretti Danilo Merz, il dirigente del Servizio parchi e conservazione della natura della Provincia Gianni Nicolini, molti rappresentanti di associazioni coinvolte a vario titolo e non pochi amministratori locali dei comuni che s’affacciano al Sarca.

Questi ultimi attori dell’iter di creazione del parco fluviale del Sarca. Due parchi sullo stesso territorio, dunque; e la risposta al quesito iniziale (parco fluviale o agricolo) per ora è la più ampia: sia l’uno, sia l’altro. Perché i due parchi sono due grida d’allarme. Da una parte il Sarca, con la sua scadente qualità dell’acqua (dovuta principalmente a importanti carenze in termini d’impianti di depurazione) e soprattutto con, della medesima, l’ormai storica scarsità (causa principale, i prelievi dell’Enel a fini idroelettrici, ma anche il clima che inesorabilmente cambia); dall’altra l’agricoltura, fino a ieri ultima ruota del carro nella considerazione di chi gestisce il territorio. Anzi, fino a gennaio prossimo, quando dovrebbe «passare» il nuovo Piano urbanistico provinciale che compie un passo avanti storico (la tutela dei terreni agricoli è radicalmente rafforzata), ma che non è risolutivo.

Ma il vero grido d’allarme è unico: «Delle oltre novemila persone che hanno firmato per il parco agricolo dell’Alto Garda - ha commentato uno dei numerosi promotori presenti - la stragrande maggioranza non era preoccupata per l’agricoltura ma per il proprio ambiente. Perché non ne può più di cemento». Sono stati in molti a concordare su un giudizio particolarmente severo alla crescita urbanistica degli ultimi due decenni: definita una vera e propria devastazione ambientale.

Da qui la necessità, impellente, di tutele: «Un parco istituisce una regola che formalizza il senso del limite di una comunità - ha detto Roberto Bombarda – la quale decide di garantire la riproducibilità del suo patrimonio ambientale. Si tratta tuttavia di un investimento di lungo periodo: non c’è un ritorno immediato ma negli anni».

Dunque, perché non unire le forze e lavorare ad un unico parco? In fondo - lo ha ricordato lo stesso Bombarda - come il parco agricolo può tutelare anche le acque, quello fluviale può occuparsi anche dell’agricoltura dei territori che comprende. La domanda è stata posta, ma la risposta per ora non c’è, e i due parchi per ora procedono separati.

Il nocciolo sta nella composizione degli organi di gestione: il parco agricolo altogardesano non prevede che un unico rappresentante per i comuni coinvolti (Arco, Drena, Dro, Nago-Torbole, Riva del Garda e Tenno), il parco fluviale ne vuole di più. Ma intanto il primo passo c’è stato. E il prossimo - un incontro tra il comitato parco agricolo e tutti gli amministratori dei molti comuni del parco fluviale - potrebbe essere a breve.

 

     

Roberto Bombarda

ROBERTO
BOMBARDA


BIOGRAFIA


  

il volume:
IL PARCO
DELLA SARCA

vai alla biblioteca


  © 2000 - 2022    
  VERDI DEL TRENTINO

  webdesigner:

  m.gabriella pangrazzi
     
 

torna su