verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2022

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Chianciano, lunedì 21 luglio 2008
«Pecoraro? È solo un omuncolo»
Lo sfogo di Boato. «E la Francescato è già commissariata».
da la Stampa di lunedì 21 luglio 2008

«Bruno Kessler, il rettore democristiano di Sociologia a Trento nel ’68» - il nemico di quella generazione di studenti che comprendeva, oltre a Marco Boato, personaggi dai destini diversissimi come Mauro Rostagno, Margherita Cagol, Gigi Chiais, Renato Curcio, Paolo Sorbi - «al confronto di Pecoraro era un gigante. E noi non lo abbiamo mai considerato una persona piccina; Pecoraro, per citare un’espressione di Saragat, è un omuncolo».

È difficile interrompere Marco Boato, lo sfidante, perdente, di Grazia Francescato alla guida dei verdi post-tsunami. «Mi spiace per Grazia, per la quale continuerò ad avere stima, ma è stata usata all’interno di un’operazione fatta dagli stessi che hanno ridotto i Verdi a un partito personale, craxiano, costruito sull’omertà, col mercimonio delle tessere, il leaderismo, l’unanimismo, completamente isolato dalla società, dagli intellettuali, che pure ne hanno rappresentato storicamente una forza. Sappiano che da domani non sarà più così. Se non altro, abbiamo il 40% del partito, e ottenuto con i delegati tesserati da Pecoraro. Una delle prime cose che ho intenzione di fare è chiedere al più presto un nuovo tesseramento».

Ecco. È difficile interromperlo perché Marco è sempre stato un grande oratore, fin dai cortei degli Anni Settanta; fu lui, tanto per capirci, a esser spedito a tirare le fila conclusive della tre giorni di convegno sulla repressione (dove nulla ormai poteva esser ridotto a unità) che a Bologna, nel ‘77, segnava la fine di una stagione, preannunciando il riflusso. E fu scelto per una ragione semplice: era uno dei più bravi a parlare, ma anche uno che, cattolico e lontanissimo da qualsiasi tentazione violenta, non se la faceva sotto dalla paura considerando che in sala c’era gente - come si saprà ufficialmente poi - con la P38 dentro lo spolverino.

Eppure è difficile interromperlo anche perché la delusione si intuisce da ogni gesto, il giorno dopo la sconfitta. «Fosse stato per Grazia, Pecoraro sarebbe sempre li. Ancora sabato scorso era nella scaletta ad aprire i lavori di Chianciano! Li ho dovuti tempestare di telefonate e di mail, ho detto a Grazia “voi siete pazzi! Se fate aprire Pecoraro Scanio siamo finiti”. E l’ho ripetuto a lui il quale ha farfugliato due parole. Altro che dimissioni spontanee. Queste cose le ho dette da tempo, al consiglio dell’11 maggio, ma anche l’8 dicembre, dopo quell’intervista di Bertinotti a Repubblica nella quale i Verdi venivano annessi a quella minoranza massimalista che è stata la Sinistra arcobaleno. Prima, le diceva anche Grazia».

Sostiene Boato che la sua rivale «appena eletta è stata subito commissariata da quella sceneggiata infima recitata da Pecoraro. Ha fatto finta di non venire, per sensibilità, a Chianciano, poi, appena eletta Grazia, si è materializzato e le ha messo il cappello sopra. Che vergogna. Era nascosto nella macchina fuori. E che modo per indebolire subito la portavoce».
La quale, osserva Boato, ieri «ha accolto nella sua risposta molte delle mie critiche, il che mi fa piacere, ha anche usato la mia espressione “mercimonio delle tessere”; però che delusione vederla cambiare idea nel giro di un mese e mezzo. Mi aveva giurato che non aveva intenzione di candidarsi». Invece eccola con don Alfò, «la sua classe dirigente piena di personaggi impresentabili, con stili di vita discutibili, idee talvolta assurde, di cui è simbolo uno come l’ex deputato Roberto Poletti, che per sei puntate ha scritto paginate di veleni su ‘Libero’; gente che ha realizzato congressi senza opposizione, con allestimenti faraonici». Per questo, dice, ha citato Mounier, «dovremo essere poveri»: «Che disagio le sedi ricche, le scarpe di vernice, gli scenari che sembrano fatti da Filippo Panseca, l’archi tetto craxiano...».

Alexander Langer, giura Boato, «si sarebbe sentito a disagio con questa gente; lui credeva in un partito con cultura di governo, non una cricca del no». Come altri compagni, Adriano Sofri, Luigi Manconi, Gianni Mattioli, Massimo Scalia. «Adriano ieri sera mi ha chiamato», racconta. «Lui è in apprensione per le sorti del Pd, ma guardava con simpatia alla mia battaglia, questo lo posso dire. Manconi anche, se n’è andato per i motivi che fanno soffrire me, lo sento spesso. E Alex... Con Alex i Verdi li avevamo fondati, questi qui non credo nemmeno se ne ricordino più, chi era, col suo zainetto sempre uguale».

 

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  

L’errore di Grazia
«La stimo, ma è stata
usata dagli stessi che
vivono di omertà e
leaderismo»

La colpa di Alfonso
«Ha fatto finta di non
venire poi è balzato
subito fuori per
indebolire
la portavoce»

Dall'Assemblea
nazionale dei Verdi
a Chianciano,
18-19-20 luglio 2008

vedi anche:
intervento
di Marco Boato


articolo de l'unità

vedi anche
ASSEMBLEE

© 2000 - 2022    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su